L’ora dell’aperitivo di Maggio 2018 con… Guido Castello, Direttore Risorse Umane di Aziende nel settore logistica e infrastrutture
Maggio 27, 2018
L’ora dell’aperitivo di Luglio 2018 con… Silvia Preti, Responsabile Human Capital di importante Fabbrica d’Armi a livello internazionale
Luglio 29, 2018

L’ora dell’aperitivo di Giugno 2018 con…

Eugenio Aringhieri, già Amministratore Delegato di Dompè Farmaceutici, raccontato da Pasquale Bressi Pizzimenti

Ci conoscevamo da oltre dieci anni.

Ci eravamo visti il 19 aprile.

Avevamo parlato di profili di personalità e di cosa “cercare” negli assessment, per garantire discontinuità nella continuità in unazienda che avevamo definito come un ecosistema stabilmente dinamico.

Ogni nostro incontro era come vivere in un caleidoscopio di immagini ricche di suggestioni e di colori.

Discutevamo dell’obsolescenza delle scorte di conoscenza, volevamo costruire un’azienda capace di “imparare ad imparare”, disegnavamo profili di personalità capaci di connettersi e contaminarsi, parlavamo di senso di responsabilità e pensiero adattivo.

Sognavamo unazienda dematerializzata, cross funzionale, digitalizzata, innovativa, ordinata nel disordine, ricca di rigore metodologico e di persone capaci di accettare anche le verità più scomode.

Avevamo iniziato a parlare di “attitudini” e non più di “competenze”, come elementi critici da ricercare e da valorizzare internamente al capitale intellettuale.

Pensavamo che il futuro sarebbe stato di persone capaci di guidare senza punti di riferimento gerarchici, persone predisposte al rischio, continuamente in cerca di cambiamento e con capacità di distruzione creativa.

Persone dotate di sentimenti e di emozioni da trasmettere, in grado di saper leggere anche le emozioni dei compagni di viaggio e di prendersi cura di loro.

Persone capaci di capire che il gruppo non è una squadra e che è meglio essere utili che non indispensabili.

Persone in grado di lavorare per rendere vecchio ciò che si fa il giorno prima, sapendo che il futuro sostituirà parole quali  controllo, ordine e stabilità con parole quali crescita, creatività e incertezza.

Persone non rare ma certamente “uniche” che insieme avremmo dovuto intercettare, avvicinare, capire.

Il 9 giugno mi avevi invitato a cena con mia moglie nella Tua casa di Castiglioncello, per stare un po’ insieme e per continuare a chiacchierare: invito, via whats.app, che mi avevi scritto prima di prendere l’aereo per Boston e che ancora oggi mi onoro di conservare  nel  cellulare.

Mi mancherai molto, amico mio.

Ma continuerò a farTi vivere, perché ciò che mi hai donato, nella Tua generosità e con il Tuo sorriso, è il Tuo intelletto, sono  le Tue visioni, le Tue emozioni, i Tuoi pensieri e i Tuoi  desideri.

Ti ho voluto e continuerò a volerTi bene.

Pasquale

 

Pasquale Bressi Pizzimenti
Amministratore Delegato e Direttore Scientifico
Società di Scienze Comportamentali s.r.l.

2 Comments

  1. Avatar Pasquale Cormio ha detto:

    Grazie dr. Bressi per questo articolo.
    Leggo sempre le sue interviste con interesse e sana curiosità, ma oggi è diverso. Ho scoperto molto di più, ho imparato molto di più.
    Pasquale Cormio

  2. Avatar giorgio aringhieri ha detto:

    grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: